L’Italia ha presentato alla Commissione Europea il proprio Piano Nazionale Energia e Clima nel quale prevede un risparmio energetico del 43% entro il 2030.
Il documento, una volta approvato, rappresenterà a tutti gli effetti gli obiettivi e le linee guida per la politica energetica del prossimo decennio nel nostro paese e prevede, oltre agli obiettivi di efficienza energetica, che almeno il 30% dei consumi finali di energia vengano coperti con fonti rinnovabili.

È chiaro come, specie per il risparmio energetico che supera di molto le richieste europee (+32,5% di efficienza energetica entro il 2030), gli obiettivi siano molto ambiziosi e non possano fare a meno di tecnologie tanto all’avanguardia quanto immediatamente disponibili. Pompe di calore a gas e microcogenerazione potranno essere, quindi, di grande aiuto.
Le GEHP prelevano energia dalla fonte rinnovabile più diffusa in natura, l’aria, e possono arrivare ad un’efficienza nell’ordine del 200%. In questo modo riescono ad assicurare il comfort cui siamo abituati usando meno energia. Allo stesso modo i microcogeneratori XRGI by EC Power permettono di avere energia elettrica esattamente dove serve e recuperare, al contempo, il calore generato dal processo di produzione. Si tagliano così tutti gli sprechi insiti nella grande produzione centralizzata e quelli legati al trasporto dell’energia elettrica presso l’utente finale.

Pompe di calore a gas Aisin e microcogeneratori XRGI by EC Power: sostenibilità per il futuro.

Iscriviti alla nostra newsletter

Controlla la tua email per confermare l'iscrizione